Frejus: gli Euro3 e 4 possono circolare fino al 30 settembre

La società che gestisce il traforo del Frejus, Sitaf Spa, ha comunicato lo slittamento dei divieti di circolazione previsti per i mezzi pesanti con motorizzazioni Euro3 e Euro4.

L’entrata in vigore dell’interdizione per i mezzi con massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate appartenenti a queste classi ecologiche era prevista per il 1° luglio 2020 ma, a causa delle numerose proroghe imposte dalla situazione di emergenza da Covid-19, l’attuazione del divieto è stata rinviata al 30 settembre 2020.

Potranno usufruire della proroga le imprese impossibilitate a dotarsi di automezzi conformi alle norme Euro5 e 6 per circostanze direttamente connesse all’epidemia da coronavirus ma che abbiano comunque avviato gli investimenti previsti per il rinnovo del proprio parco mezzi. In pratica, potranno circolare liberamente, in entrata e in uscita, i mezzi delle imprese che abbiano già ordinato almeno un veicolo Euro5 o 6.

A prova di questa condizione, le imprese interessante devono esibire un’apposita autocertificazione che, ricordiamo, in caso di indicazioni mendaci espone al rischio di conseguenze penali.

Qui il modulo di autocertificazione: Autocertificazione Frejus