Il Consiglio dell’Ue approva la Direttiva sulla catena di fornitura

Il Consiglio europeo ha approvato la Direttiva sulla catena di fornitura, la cosiddetta Corporate Sustainability Due Diligence Directive, che introduce obblighi per le grandi imprese riguardo agli impatti negativi delle loro attività sui diritti umani e sulla tutela dell'ambiente lungo l’intera catena del valore.

Le norme riguardano non solo le operazioni delle società, ma anche le attività delle loro filiali e quelle dei loro partner commerciali lungo la catena di attività delle società.

La Direttiva riguarderà le aziende con più di 1.000 dipendenti con un fatturato superiore a 450 milioni di euro e le loro attività che vanno dalla produzione a monte di beni o fornitura di servizi, alla distribuzione, trasporto o stoccaggio a valle dei prodotti.

Le aziende interessate dovranno adottare e attuare un sistema basato sul rischio per monitorare, prevenire o rimediare ai danni ai diritti umani o all’ambiente identificati dalla Direttiva.