Dal Parlamento Ue una risoluzione per aree di sosta più sicure

Con una risoluzione, adottata con 681 voti a favore, 1 contrario e 13 astenuti, il Parlamento europeo ha chiesto che siano migliorate le condizioni di sicurezza dei parcheggi per il trasporto merci in Unione europea.

Il testo chiede “un maggiore coordinamento tra gli Stati membri per affrontare la criminalità contro i conducenti e il loro carico, e un aumento dei finanziamenti per migliorare le strutture”.

"Combattere la criminalità in modo più efficace e aumentare i finanziamenti – si spiega – renderebbe i parcheggi per camion nell'Ue più sicuri e aiuterebbe a rispondere alla carenza di autisti”.

Gli eurodeputati sottolineano come le condizioni di sicurezza dei parcheggi per i veicoli industriali siano allarmante e la loro capacità insufficiente.

"Poiché i crimini contro gli autisti e il loro carico sono sempre più organizzati e di natura transfrontaliera - si legge nella risoluzione - l'applicazione della legge negli Stati membri dell'Ue ha bisogno di coordinarsi a livello transfrontaliero e di segnalare sistematicamente i crimini a Europol per permettergli di sostenere i Paesi Ue”.

Gli eurodeputati chiedono, quindi, alla Commissione finanziamenti per creare più parcheggi e migliorare le strutture già esistenti e “di mobilitare risorse dai fondi strutturali e d'investimento europei e dal Meccanismo per collegare l'Europa”. Oltre a migliorare le infrastrutture dei parcheggi per camion, l'Ue dovrebbe anche introdurre "sistemi di chiamata per gli autisti per denunciare i reati alle autorità senza barriere linguistiche, e creare strumenti che permettano loro di trovare e prenotare aree di parcheggio sicure". Si punta l’attenzione, inoltre, sulla necessità di avere “uno standard europeo armonizzato per i livelli di sicurezza e comfort delle aree di parcheggio".