Unrae: cala il mercato degli industriali. Segno meno anche per i pesanti

Cala a ottobre il mercato dei veicoli industriali e, per la prima volta dopo mesi, la flessione riguarda anche i mezzi pesanti.

È quanto reso noto da Unrae sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.

I mezzi con massa totale a terra superiore alle 3,5 tonnellate immatricolati il mese scorso sono stati 1.615, in calo del 12,7% rispetto a ottobre 2020, quando erano 1.850. I veicoli con massa compresa tra 3,51 e 6 tonnellate hanno subito una flessione del 4% (48 verso i 50 dell’ottobre 2020), quelli con massa tra 6,01 e 15,99 tonnellate sono crollati del 6,3% (207 contro 221) e, infine, i veicoli con massa uguale o superiore alle 16 tonnellate hanno registrato un netto -13,9% con 1.360 mezzi contro i 1.579 di ottobre 2020.

Per quanto riguarda il consuntivo dei primi dieci mesi dell’anno, rapportato in questo caso al periodo gennaio-ottobre 2019, i veicoli con massa superiore alle 3,5 tonnellate hanno registrato un +5,2%, quelli tra 3,51 e 6 tonnellate -30,2%, quelli da 6,01 a 15,99 tonnellate -4,8% e i mezzi con massa a partire dalle 16 tonnellate +9,0%.