La situazione dei trasporti durante la pandemia e gli interventi del Mims

Tra il 2020 e il 2021 sono stati stanziati più di 10,2 miliardi di euro per sostenere i diversi comparti dei trasporti, a causa dell’emergenza pandemica. Fra questi, 438 milioni per l’autotrasporto e il trasporto merci su strada.
Sono i dati resi noti dal Ministro delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, nel corso di un’audizione alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati.
Il capo del dicastero ha evidenziato che le risorse impiegate sono state destinate sia alle diverse modalità di  trasporto (ferroviario, su gomma, aereo e marittimo), sia al finanziamento della cassa integrazione, alla moratoria dei pagamenti e ad altre misure di sostegno agli investimenti.

Oltre ai finanziamenti per l’autotrasporto delle merci e a quelli per il trasporto pubblico ( 2,79 miliardi di euro), 2,25 miliardi sono stati destinati alle imprese ferroviarie, 1,64 miliardi al trasporto aereo, 377 milioni al settore marittimo.

Giovannini ha spiegato anche che, grazie alla campagna vaccinale e alla ripresa delle attività, la domanda di trasporto ha ripreso generalmente quota, anche se in misura diversa a seconda dei settori. Per quel che riguarda l'autotrasporto, il traffico dei mezzi pesanti ha raggiunto e a volte superato i livelli pre-pandemia.
Anche il traffico ferroviario, aereo e marittimo nel 2021 ha mostrato una netta ripresa, ma non ha raggiunto i livelli del 2019.