Ue: il Consiglio dà il via libera a proroghe su certificati e revisioni

Arriva il via libera del Consiglio europeo sulla proroga di certificati e revisioni.

Da tempo gli Stati membri premevano per avere norme omogenee su tutto il territorio europeo per sostenere e orientare il settore trasporti durante le complicate fasi dell’emergenza Coronavirus.

Lo scorso 15 maggio la Commissione Trasporti del Parlamento europeo (qui il nostro precedente articolo) aveva già adottato questo atteso pacchetto di misure temporanee per i trasporti che prevede, appunto, la proroga di validità di determinati certificati e licenze (tra cui la Cqc) nel trasporto su strada, per ferrovia e per via navigabile e l’allentamento delle norme sulla tariffazione delle navi per l'utilizzo delle infrastrutture portuali.

Il 20 maggio è poi arrivato anche il sì del Consiglio.

Le nuove misure costituiscono un regolamento che introduce una serie di regole per i diversi settori dei trasporti, tutte finalizzate ad aiutare le aziende e le autorità a far fronte alle circostanze straordinarie create dalla crisi da Covid-19. L’estensione della validità di attestati e certificati, nello specifico, è pensata per fornire regole certe e flessibili necessarie per mantenere le catene di approvvigionamento e garantire la mobilità delle merci.